Un gran… Bordelli

copj13.asp.jpg Ho scoperto il commissario Bordelli. Adesso anche Firenze ha il suo poliziotto alle prese con la delinquenza, la malavita e i ricordi di una guerra che forse oggi risulta essere troppo lontana.
Una lettura fluida, soprattutto per chi conosce i posti che in ogni pagina emergono per come sono stati vissuti, tanti anni fa.
Forse ci sono troppe ingerenze: Rosa ricorda troppo la puttana di Pepe Carvalho, le sigarette e la solitudine di Sarti sono riproposte in modo molto simile, ma lo sfondo sul quale si muove Bordelli è uno sfondo in bianco e nero che coinvolge e accompagna.

Posted in Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.